Caelum non animum mutant qui trans mare currunt

by - 18:18



[...]
Tu quamcumque deus tibi fortunaverit horam 
grata sume manu neu dulcia differ in annum, 
ut quocumque loco fueris, vixisse libenter 
tu dicas: nam si ratio et prudentia curas,
non locus effusi late maris arbiter aufert, 
caelum, non animum mutant, qui trans mare currunt. 
Strenua nos exercet inertia: navibus atque 
quadrigis petimus bene vivere. Quod petis, hic est, 
est Ulubris, animus si te non deficit aequus.

[...] Qualunque ora lieta ti concedano gli dèi prendila con riconoscenza, non rimandarne di anno in anno le gioie, e si possa dire che in ogni situazione sei vissuto volentieri. Se la logica della saggezza, e non un luogo da cui si domina la distesa del mare, allontana gli affanni, chi solca il mare muta cielo, non animo. Un’irrequieta indolenza ci tormenta e andiamo per mari e per terre inseguendo la felicità. Ma ciò che insegui è qui, a Ulubre, se non ti manca la ragione. 

You May Also Like

0 commenti

Sharing is caring. ♥

utenti online